Porzione superiore Logo Agriturismo Bella Valle

Agriturismo BellaValle

La Storia della Famiglia Rozzi.

L'Agriturismo BellaValle è una proprietà di circa quaranta ettari all’interno della quale, oltre alla casa padronale, si trovano due grandi case poderali (oggi completamente ristrutturate e suddivise in appartamenti), e nasce nei primi anni ‘80 dalla divisione tra eredi di una delle più importanti fattorie del territorio di Vada: l’Azienda Agricola F.lli Rozzi.

La Storia della Famiglia Rozzi dell'Agriturismo BellaValle di Vada

Agli inizi del secolo scorso, Enrico e Francesco Rozzi, agricoltori per tradizione ed attivi in Lombardia, decisero di lasciare quei luoghi, scegliendo la Toscana per continuare la loro attività agricola.

La loro scelta ricadde sulla fascia costiera fra il pisano ed il livornese, nella parte più settentrionale della Maremma, detta infatti Alta Maremma, della quale parla anche Dante Alighieri nella sua Divina Commedia:

“Non han sì aspri sterpi né sì folti
quelle fiere selvagge che 'n odio hanno
tra Cecina e Corneto i luoghi colti.”
Inferno, XIII, 7

I terreni acquistati, posti a sud dell’abitato di Vada, erano il risultato delle operazioni di bonifica volute dai Granduchi di Toscana a partire da Pietro Leopoldo di Lorena.
A protezione dei terreni dai venti salmastri, fu impiantata a ridosso delle spiagge una pineta che, ancora oggi, è una ricchezza per il territorio, i suoi abitanti ed i suoi visitatori.

I F.lli Rozzi scelsero una zona caratterizzata dalla fertilità dei terreni, dal clima dolce, dalla ventilazione continua, dal paesaggio, dalla cortesia e dalla bravura della gente toscana.
Insomma oltre che dall’ordine e dal clima, furono attratti anche da un vivere "migliore" che riguardava l’alimentazione e la vita all’aria aperta.

Ancora oggi, le due sorelle proprietarie dell'Azienda Agricola "Bella Valle", continuano con grande passione l’attività agricola intrapresa dal padre, cercando di mantenere tutte le coltivazioni tradizionali quali l’olivo (da cui produciamo un ottimo olio extravergine di oliva), i cereali come grano duro, girasoli o granoturco, ortaggi, meloni, porri e una piccola vigna di uve trebbiano, dalla quale si ricava un bianco leggero.

Sul finire degli anni ’90, il recupero ed il restauro di una delle due case poderali, ha permesso l’inizio dell’accoglienza come casa vacanze.